SEZIONE PRIMAVERA A.S. 2013/2014alt

ATTIVITÀ DIDATTICA

La Sezione Primavera fornisce un servizio educativo capace di offrire ai bambini un luogo per crescere sereni, sviluppando potenzialità cognitive, affettive e sociali. Questo servizio integra e sostiene l’opera educativa della famiglia in continuità con  la scuola dell’infanzia, facilitandone il successivo ingresso.
Per far comprendere l’importanza di questo servizio, nato come sperimentazione nell’anno 2007, abbiamo dato molta importanza alla documentazione di tutto il nostro percorso con i bambini e le bambine. Tale documentazione non è un passaggio scontato, non è sufficiente saper organizzare i materiali prodotti, occorre prevedere tempi e azioni del documentare all’interno di una progettualità che torna su se stessa per farne il punto. La documentazione educativa non è una semplice narrazione di eventi ma è un processo generativo di conoscenza, costruzione di significati condivisi, cambiamenti, innovazioni, ricerche.
“Non impariamo il mondo perché lo osserviamo ma perché lo interroghiamo…” (E.Kant).
La Sezione Primavera,  istituita presso la scuola materna “Luigi Chiariglione, ha iniziato l’anno il 1° settembre 2014, seguita, la settimana successiva, dalla scuola dell’infanzia in cui è inserita. I bambini frequentanti sono venti in età compresa tra i 24 e i 36 mesi di età. L’obiettivo, comune a quello degli anni precedenti, è quello di servire un servizio educativo basato sullo sviluppo della personalità ed un luogo in cui il bambino possa fare esperienza del mondo in modo guidato e orientato, basandosi su criteri di flessibilità, continuità ed apertura.
La Sezione Primavera funziona per sette ore al giorno, dalle ore 9,00 alle ore 16,00, dal lunedì al venerdì. I genitori possono usufruire anche del pre-scuola dalle 7,30 e del doposcuola dalle 16,00 alle 18,00.
Nei mesi di settembre e ottobre è stata dedicata particolare attenzione all’accoglienza e all’inserimento, al fine di raggiungere alcuni obiettivi specifici quali: il superamento del distacco genitore/figlio; l’inserimento del bambino in un ambiente sociale diverso dallo spazio famiglia; l’autonomia nel’uso degli spazi e dei materiali della scuola; la comprensione della scansione della giornata scolastica;  il rispetto di alcune semplici regole; lo sviluppo di comportamenti sociali quali il saluto, il ringraziamento, lo scambio di oggetti e il rispetto del proprio turno.
Ai bambini sono state presentate tutte le attività a carattere ludico, in quanto gioco e apprendimento sono due percorsi evolutivi che si intrecciano; il bambino impara a prendere coscienza di sé e della realtà che lo circonda giocando. Attenzione particolare è stata data alla modalità di svolgimento delle attività stesse e delle abilità messe in atto dal bambino per realizzarle, e non al prodotto finale di tale attività.
 
Nell’anno scolastico 2013/2014 si è deciso di svolgere la programmazione dal titolo:
 

AMICA  ACQUA - UN MONDO AZZURRO TUTTO DA SCOPRIRE

Come si evince dal titolo l’elemento ispiratore della programmazione è l’acqua, un mondo azzurro ma anche verde, marrone, grigio, rosso, giallo… infatti noi abbiamo osservato tanti altri aspetti della natura che ci circonda; l’acqua intesa come nostro punto di partenza per un mondo più grande, quello della natura.
 
Esempi di attività pratiche:
- in qualche giornata autunnale sono state organizzate uscite in cortile a raccogliere foglie che hanno un diverso colore perché stanno seccando e l’acqua che contengono evapora; osservazione del cielo, delle piante, ascolto del vento che ci porta via il cappello;
- in una giornata piovosa uscita in cortile tutti coperti con stivaletti, mantelline antipioggia e ombrellino per fare “ciac ciac” con i piedini e per sentire il rumore della pioggia, osservazione del cielo grigio.
Si parte da esperienze quotidiane per giungere all’area della corporeità, a quella della linguistica, all’area manipolativa e a quella grafico-pittorica.
 
Insieme delle attività articolate in sei momenti:
Settembre/Ottobre:
Accoglienza, Acqua Park, grande festa, gioia, creatività
Novembre:
L’acqua e noi – L’acqua elemento indispensabile per la vita
Dicembre:
Fiocchi di neve e una stella
Gennaio/Febbraio:
L’acqua si trasforma – La goccia racconta la sua affascinante avventura
Marzo/Aprile:
Gocce d’acqua scendono dal cielo – Vita nuova sulla terra.
Maggio/Giugno:
Raccontiamo la nostra amica acqua
 
Per la prima volta, dopo sei anni di Sezione Primavera (questo è il settimo), le educatrici della sezione hanno pensato che sarebbe stato interessante affiancarsi alla programmazione in corso nella scuola materna cui appartiene la sezione, per avere ulteriori momenti di scambio e poter così partecipare, insieme ai bambini più grandi, alle varie feste, progetti e collaborazioni extra-scolastiche.
Questo proprio in vista delle indicazioni nazionali del Ministero per prospettare una continuità 0-6 anni. Si parla ormai infatti di continuità verticale, ma a noi piace anche parlare di continuità orizzontale, quella che coinvolge anche le famiglie, la comunità, il territorio. 
 
Anche noi prepariamo una boccia d’acqua con dei pesciolini; impariamo a lavarci tutte e due le manine con il sapone e l’acqua; impariamo a bere l’acqua dal bicchiere cercando di non versarla. In qualche giornata fredda preparazione di un the deteinato o camomilla calda, vedendo come cambia il colore dell’acqua e impariamo a capire qual è la differenza tra un gusto caldo e freddo. Osservazione del cielo e dei suoi cambiamenti di colore ogni giorno, quando ci sono: nebbia, vento, sole, pioggia (arcobaleno se compare) neve, ghiaccio. Si ascolta il rumore dei tuoni. Si sta spesso con il naso all’insù per guardarci intorno e per capire come dobbiamo vestirci.
Tutto questo permette di imparare i colori e i nomi degli oggetti che ci circondano.
Gioghi con la neve o il ghiaccio in inverno, se possibile, e con l’acqua in estate.
 

OBIETTIVI  PRIORITARI

- Riuscire ad arrivare serenamente in sezione.
- Superare le difficoltà del distacco iniziale.
- Progredire nel linguaggio.
- Giocare con gli altri bambini e bambine della sezione.
- Riconoscere i vari momenti di passaggio da una routine all’altra e accettarli serenamente acquistando sicurezza.
- Avere sempre più fiducia nelle figure di riferimento.
- Considerare questo nuovo ambiente più familiare.
- Riuscire a diventare più autonomi (nei bagnetti,  nel pranzo, nell’infilare le scarpe o ciabattine, nel togliersi o mettersi una giacchetta, nel salire o scendere le scale, nello spostarsi tranquillamente da una stanza all’altra, nell’abbandonare il ciuccio o un pupazzo).
 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

Settembre: Acqua Park
Ottobre: Festa dei nonni
Accogliere il nuovo ambiente come luogo giocoso di conoscenza e di esperienza relazionale, fatta di diversità e ricchezza umana. Avere consapevolezza che lo stare insieme a scuola è bello come stare insieme a casa in famiglia ma è diverso, perché la scuola è il luogo dell’incontro con l’altro. Festa dei nonni con addobbi in cortile, palloncini e balli con parole riferite all’acqua.
 
Novembre: L’acqua elemento indispensabile per la vita
Preparazione di bevande e ghiaccioli – come laviamo le manine e il nostro viso – impariamo poesie e filastrocche sull’acqua.
 
Dicembre: Fiocchi di neve e una stella.
Ascoltiamo musiche suggestive per creare un clima di stupore – prepariamo l’albero di Natale in sezione e un piccolo presepe – ascoltiamo storie natalizie, impariamo rime, canti e filastrocche e se nevica usciamo a giocare un po’, se possibile costruzione di un pupazzo di neve sentendo com’è fredda la neve.
 
Gennaio/Febbraio: L’acqua si trasforma
Vediamo come cambia colore l’acqua usando i colori a tempera. Acquisto di una vaschetta con dei pesciolini rossi, sistemata poi in classe, per capire quanto sia importante l’acqua per alcuni animali e anche per noi.
 
Marzo/Aprile: Gocce d’acqua cadono dal cielo sulla terra
Riempiamo vasetti di terra e piantiamo i semi bagnandoli con gli innaffiatoi, questo per capire quanto sia importante l’acqua per le piante che vivono intorno a noi.
 
Maggio/Giugno: Raccontiamo la nostra amica acqua
Preparazione di un bellissimo laboratorio con canti e danze per la nostra amica acqua.
 
Il nostro sfondo integratore è sempre la “goccina Berny”. Per l’inserimento viene proposto ai genitori di disegnare, colorare, reinterpretare una storia sulla goccia d’acqua per poterla poi raccontare, durante l’anno, ai nostri bambini e bambine.
 
Inoltre lavori, fiabe, racconti, animazioni, piccole recite dedicate alle feste consacrate (Natale e Pasqua) come tutti gli anni; festa di Carnevale, festa del papà, festa della mamma, festa dei nonni.
 

 

Modalità organizzative del servizio e attività educative

La nostra sezione primavera ha un'organizzazione stabile della giornata che prevede l'offerta, ai bambini frequentanti, di momenti di cura personale, di relazioni e gioco libero e di attività guidate, proposte dalle educatrici secondo una programmazione periodica.

 

La giornata dei bambini prevede:

- Accoglienza:   dalle 7,30 alle 9,00 l'arrivo dei bambini in salone e in sezione. 
- Spuntino mattutino:   dalle 9 in sezione, spuntino composto da frutta fresca o biscotto o dolce preparato dalla nostra cuoca.
- Sala igienica:  ore 10,00 circa primo giro nei bagni.
- Attività programmate e guidate: dalle 10,00 alle 11,00 le proposte seguono una programmazione settimanale e un'alternanza nella tipologia di attività come indicato sotto:
- Lunedì: Gioco libero
- Martedì: Attività di manipo- lazione e travasi
- Mercoledì: Ritmo, canti, filastrocche, fiabe
- Giovedì: Attività grafiche e pittura
- Venerdì: Attività motoria
 
Le attività sono calibrate in modo da essere adeguate alle competenze dei bambini prevedendo tuttavia un progressivo livello di stimolo evolutivo. Ogni tipologia di attività è proposta seguendo indicativamente tre direzioni educative.
- l'osservazione della attitudini dei bambini
- la proposta di “materiale” differente con cui sperimentarsi
- la progressione da una minore complessità ad una maggiore richiesta di attenzione del bambino
 
- Pranzo: si svolge tra le 11,30 e le 12,00. Il pranzo è preparato fresco in sede secondo il menù approvato dall' ASL TO 4. Le pietanze sono porzionate al momento della somministrazione e rispondono alle grammature indicate dall'ASL. Le preparazioni sono adeguate all'età dei bambini e rispondono alle loro esigenze di masticazione. Il menù ruota su cinque settimane. Il pasto è consumato in uno dei locali della sezione Primavera con la presenza delle due educatrici e di un'inserviente. Questo momento viene utilizzato per spingere i bambini verso una maggiore autonomia e verso l'acquisizione di alcune semplici regole di buona educazione.
 
- Preparazione al riposo e riposo: dalle 12,30 alle 15,00.
 
- Sala igienica e preparazione all'uscita: dalle 15,00 alle 15,30.
 
- Merenda: dalle 15,30 alle 16,00 viene proposta la merenda solo ai bambini che si fermano al doposcuola.
 
 Ogni giorno le educatrici redigono, su un apposito quaderno a disposizione dei genitori, una   ........sintetica relazione sull'andamento giornaliero di ogni bambino.